Milkman Consegne a Domicilio
ARCHIVIO NEWSLETTER IT EN

L'insostenibile leggerezza del cambiare idea sulla consegna: anche post-purchase!

by Milkman

Offrire il maggior numero di opzioni di consegna è diventato un comandamento per gli e-commerce che vogliano sopravvivere allo strapotere dei grandi marketplace. Quattro anni fa, quando Milkman ha aperto i battenti, sembrava che il mercato fosse pietrificato sul concetto di consegna gratuita. In seguito i venditori hanno scoperto che i consumatori sono disposti a pagare per avere prima i loro prodotti, concetto sdoganato in primis da Amazon (e ben camuffato dietro l’abbonamento annuale a Prime). Superata anche la fase in cui tutti chiedevano consegne same-day si è dato credito a quello che noi ci eravamo permessi di sostenere dall’inizio: il same-day non basta, è necessario offrire la libertà di scegliere il giorno e l’ora della consegna. Non esistono customizzazioni più avanzate di questa o in grado di soddisfare un ventaglio più ampio di online shopper.

2019-11-07-1

 

 

Cosa si può fare, dunque, per deliziare ulteriormente chi compra online? I dati che abbiamo raccolto sul campo, in particolare uno studio effettuato su un campione di mezzo milione di ordini serviti nel 2019 tra Milano, Roma e Torino, ci hanno dimostrato di avere, nella nostra offerta, un altro asso nella manica.

Quando l’ordina lascia il magazzino “non c’è più niente da fare”, recita un vecchio adagio del mondo logistico. Che tu abbia un appuntamento o no, se ti accorgi di non poter essere a casa il corriere passerà comunque, perdendo tempo e creando frustrazione.



 


Tra le prime funzionalità messe sul campo da Milkman ce n’era una unica al mondo: il destinatario può annullare la consegna gratuitamente fino a pochi minuti prima del nostro arrivo. Prenderà poi un altro appuntamento a partire dal giorno successivo. In questa fase è possibile anche cambiare indirizzo.

Ciò è rassicurante per lui ed efficiente per noi, che eviteremo di perdere minuti preziosi davanti ad un indirizzo non presidiato.

 

0-2


Ebbene: i nostri dati ci dicono che nel 2019 il 16,05% dei destinatari si è avvalso della possibilità di ri-programmare la propria consegna, con un picco del 19% registrato lo scorso ottobre. Il 5,59% ha cambiato l’indirizzo di consegna. Numeri da capogiro, soprattutto se tradotti in migliaia di consegne.

2019-11-08 (2)-1


A chi volesse conoscere i dati completi della nostra ricerca diamo appuntamento il 5 Dicembre al Netcomm Forum Nord-Est di Padova, dove Stefano Scapin, Chief Financial Officer di Milkman, terrà un workshop tutto incentrato su questo argomento. 

unnamed


Non esistono risposte negative alla libertà e non esistono libertà che possano impattare negativamente sulle performance del venditore o del corriere. Se il mondo della logistica lo avesse scoperto prima forse avremmo potuto evitare una buona parte della cattiva “nomea” che accompagna il settore. 

 

Scopri il servizio Milkman

#eCommerce, #delivery

    
COMMENTI