Milkman Consegne a Domicilio
ARCHIVIO NEWSLETTER IT EN

Il last-mile in Medio Oriente

by Cathy Roberson

Quando pensiamo al Medio Oriente i grandi investimenti, l'innovazione e l'e-commerce non sono proprio la prima cosa che salta in mente. Un errore che vale la pena iniziare a correggere. Il mercato dell'e-commerce in Medio Oriente, che secondo Fitch Solutions crescerà del 16,4% nei prossimi anni, sta diventando sempre più competitivo ed affollato.

Dubai_409925923


Secondo l'Annual Investment Meeting Startup, iniziativa appartenente al programma nazionale del Ministero dell'Economia degli Emirati Arabi Uniti per le piccole e medie imprese ed i progetti che collegano start-up ed investitori, Dubai è diventata prima destinazione mondiale per centinaia di start-up, seguita da Nuova Zelanda, Singapore, Norvegia, Germania, Giappone e Svezia.

Il 69% delle startup negli Emirati Arabi Uniti è coinvolto nell'e-commerce, nelle infrastrutture, nel software-as-a-service e negli online marketplace. Di queste il 52% si occupa di B2C e il 93% ha sede a Dubai.

Secondo la pubblicazione online “Vox” il Medio Oriente può essere un posto difficile in cui vivere, per non parlare di avviare un'impresa: guerre, corruzione, norme e regolamenti conservatori avversi a un settore privato indipendente, nonché una dipendenza storica dai lavori nel settore pubblico - sono tutti fattori che possono rendere difficile avviare un'attività, in particolare se ha intenzione di sfidare lo status quo.

Il potenziale dell'e-commerce, però, è enorme e cresce di giorno in giorno: il 30% della popolazione in Medio Oriente e Nord Africa ha un'età compresa tra 15 e 29 anni e la facilità di accesso agli smartphone e a Internet è ottima. Ciò ha portato a una penetrazione della Rete del 64,5% in Medio Oriente, rispetto a una media globale del 54,5%, secondo i risultati di World World Stats.

Fodel-Founder-Investor-A


Per soddisfare le crescenti esigenze dell’e-commerce, diverse startup hanno messo gli occhi sul last-mile. Una di queste: FODEL, ha recentemente raccolto 2,6 milioni dollari. FODEL utilizza tecnologia proprietaria per costruire una rete di punti per il click and collect. Attualmente il numero di suoi punti di raccolta è superiore a 1.000 negli EAU, inclusa l'integrazione con retailer come Choithrams e JollyChic. Secondo l’azienda i pacchi sono tracciati in tempo reale e i clienti hanno piena visibilità e controllo sulle loro spedizioni. FODEL prevede di espandersi in Arabia Saudita dove si è già assicurata più di 800 punti di raccolta.

Un’altra startup, Fetchr, utilizza il GPS dei cellulari e per consegnare ovunque si trovi il consumatore. Secondo Fetchr nel 30-35% delle consegne fallite il problema è ascrivibile al fatto che il driver non abbia trovato il destinatario. L'azienda utilizza un algoritmo per abbinare i corrieri con i punti di raccolta e consegna. Il suo servizio di base consente ai clienti di scegliere una fascia oraria e offre anche la possibilità di consegnare a una reception o in uno spazio sicuro.

L'offerta Fetchr Now, invece, raccoglie gli invii dei consumatori in meno di 45 minuti e li consegna immediatamente al destinatario.

fetchr-mobile-app-how-it-works


L’azienda, nata solo 6 anni fa, già collabora con Eniverse Technologies e Skycart per creare e costruire il primo servizio di consegna tramite droni della regione.

Anche organizzazioni ormai affermate, come Aramex, stanno innovando l'ultimo miglio in Medio Oriente. Alla fine dell’anno scorso la società ha introdotto "Aramex Fleet": una piattaforma di distribuzione in crowdsourcing che collega i cittadini a lavori flessibili di consegna.

Nel 2016, Aramex ha investito nella startup inglese What3Words e l'ha integrata come parte della sua strategia di consegna dell'ultimo miglio. Uno studio condotto a Dubai per misurare l'efficienza delle consegne a indirizzi stradali normali rispetto a indirizzi What3Words ha rilevato che, usando i secondi, le consegne sono state del 42% più veloci, con una riduzione del chilometraggio del 22%.

L’e-commerce nella regione continuerà a crescere ed a diffondersi, forte del sostegno dei governi locali e dell'entusiasmo di una popolazione che non vede l’ora di lanciarsi nell’universo del commercio globale online.

#Cathy Robertson

    
COMMENTI